Per lavoro ormai non scrivo più tanto codice, e quel poco che scrivo non è (fortunatamente, sfortunatamente, dipende dai gusti) Javascript, il linguaggio in più rapida evoluzione degli ultimi anni.

Sono stato senza scrivere Java per lunghi periodi, sono stato per lunghi e felicissimi periodi senza scrivere PHP e quando li ho ripresi in mano erano esattamente come li avevo lasciati, mentre Javascript è cambiato radicalmente pure nel corso degli anni in cui lo scrivevo tutti i giorni, figurarsi adesso che ho perso un po’ il contatto.

Cerco di tenermi aggiornato, ma scrivere il codice è, come tutti i lavori pratici, qualcosa con cui si perde la mano se non lo si fa tutti i giorni: caso ha voluto che avessi un progettino da fare nel (poco) tempo libero, però, e un po’ perché comunque so come funziona e un po’ per fare quello che in gergo si chiama “affilare l’ascia” ho deciso di farlo, per l’appunto, in Javascript.

Tra l’altro, è una cosa che deve fare diverse richieste HTTP in sequenza usando di volta in volta le risposte ricevute come parametri per le richieste successive, che è un po’ un grande classico delle applicazioni node e un pain point piuttosto famoso in Javascript.

All’inizio, come era inevitabile che fosse, l’ho scritto come lo sapevo scrivere, per cui sono finito ben presto nel più classico dei callback hell e, poco più tardi, nel più recente ma altrettanto classico promise hell:

axios.get(url)
    .then((result) => {
        // Fai qualcosa col risultato della get
        axios.post(postUrl, result.data)
            .then((postResult) => {
                //Fai qualcosa col risultato della post
                axios.get(anotherGetUrl)
                    .then((getResult) => {
                        //Fai qualcos'altro
                    })
                    .catch((error) => console.log(error))
            }).catch((error) => console.log(error))
    }).catch((error) => console.log(error));

Ora ok, sicuramente il codice lì sopra è pienissimo di errori da n00b, ma maledetto tutto quanto quelle tre catch lì messe a freccia mi fanno salire il sangue al cervello e mi fanno venir voglia di piangere: non esiste al mondo che riesca a dormire la notte sapendo di aver scritto codice del genere.

Dato che si parla di affilare l’ascia, quindi, e che comunque il problema in questione sembra essere piuttosto comune, è stato relativamente semplice trovare una soluzione nei costrutti (ormai nemmeno troppo) nuovi del linguaggio, che nelle sue versioni più recenti ha aggiunto dello zucchero sintattico volto appunto a risolvere questo tipo di problemi.

Il caso in questione, quindi, nel Javascript del 2018 quasi 2019, si scrive molto meglio così:

const faiCoseHttp = async () => {
    try {
        let getResult = await axios.get(url);
        //Fai cose con getResult
        let postResult = await axios.post(postUrl, getResult.data);
        //Fai cose con postResult
        let anotherGetResult = await axios.get(anotherGetUrl);
    } catch (error) {
        console.log(error);
    }
}

Meno righe, meno boilerplate, flusso più chiaro, codice più leggibile: la figata di async/await è che ti permette di distinguere tra codice asincrono e codice parallelo: callback e promises sono meccanismi più potenti, in un certo senso, perché permettono di scrivere codice che faccia più cose contemporaneamente (anche se, in un linguaggio single-threaded, il parallelismo è sempre illusorio), ma quando hai delle cose da fare in sequenza, seppure asincrona, è facile scrivere del codice agghiacciante come quello del mio primo esempio.

Usare async e await, invece, permette di scrivere del codice che fa cose sì asincrone, ma comunque in sequenza, aspettando di volta in volta che le operazioni asincrone finiscano.

Ok, è syntactic sugar e forse avrei potuto scrivere chiaro, conciso e leggibile anche usando correttamente le promises, ma chi me lo fa fare, se posso farlo molto più in fretta e semplicemente con un costrutto più recente? E soprattutto, se è un buon pretesto per imparare decentemente come funziona un costrutto recente che non avevo ancora avuto occasione di usare?

Categorie: Nerd

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *